SLC. Il DVR. Documento di Valutazione del Rischio da Stress Lavoro Correlato.

DVR. Documento di Valutazione del Rischio


Al termina della valutazione dello stress da lavoro correlato SLC c'è la redazione del DVR (Documento della Valutazione dei Rischi).

Cos’è il DVR?

Si tratta di un documento che ripercorre le tappe della valutazione che è stata svolta, riportandone i risultati ottenuti nelle varie fasi ed azioni preventive.

È un documento, quindi che segue la cronologia del processo, che riporta attori, azioni, reazioni e risultati.

Si inizia con la costituzione del gruppo di gestione della valutazione e dichiarando proprio in modo preciso i nomi delle persone con le loro rispettive posizioni quindi facendo riferimento al manuale proposto dall’Inail il modello potrebbe essere come il seguente schema.

Si riporta la strategia di comunicazione e di coinvolgimento del personale.

Inizia la fase propedeutica in cui si indicano le modalità di sensibilizzazione e azioni informative messe in atto per comunicare, coinvolgere il personale.

Viene spiegato lo sviluppo del piano di valutazione del rischio: sarà esplicitata inizialmente la Fase Preliminare dichiarando la somministrazione della lista di controllo per gli “eventi sentinella” e ne verranno riportati i risultati.

Poi verrà somministrata la lista di controllo per i “fattori di contenuti di lavoro” ed i relativi risultati, infine anche la somministrazione della lista di controllo per i “fattori di contesto del lavoro” con l’analisi dei risultati ottenuti.

Risultato: tipo di rischio

Se i risultati sono negativi, cioè si rientra nell'area di Rischio Non Rilevante, si procede con la pianificazione del “Piano di Monitoraggio” e con la dichiarazione della frequenza con cui si procederà al controllo dell’andamento degli eventi sentinella.

Diverso è il caso in sui il Rischio dovesse risultare Medio o Alto.

Si riporta - naturalmente -  il risultato e si procede con un’analisi approfondita ed una successiva pianificazione di interventi correttivi che si intendono adottare. Questi possono essere di natura organizzativa, procedurali, comunicativi, formativi, ecc mettendo a punto tutti gli strumenti e la metodologia necessaria. Va anche pianifica e messa a punto la verifica dell’efficacia dell’intervento.

Questa verifica dipende dal tipo di intervento da mettere in atto, ma si può ipotizzare di effettuare dopo un paio d’anni.

Anche qui possono scaturire due risultati: ad un esito negativo, quindi Rischio Non Rilevante, si procede con il piano di monitoraggio e la relativa stesura del DVR. Se invece il Rischio risulta Medio o Alto, a questo punto bisogna proprio programmare un intervento più significativo, coinvolgendo direttamente i lavoratori, magari con focus group individuando dei “gruppi omogenei di lavoratori” (in particolare suddivisi per mansioni, partizioni organizzative, ecc.).

Come detto prima, ogni passaggio, intervento, va riportato scrupolosamente nel Documento di Valutazione del Rischio.

Al termine dell’eventuale Valutazione Approfondita dovrebbero essere emerse le aree di miglioramento a cui dovrebbe seguire il piano di interventi correttivi, che andrà poi verificato nella sua efficienza.



Argomenti strettamente correlati:

Stress (Lavoro Correlato) e una legge per valutarne i rischi
I Soggetti della Valutazione dello Stress Lavoro correlato
Stress Lavoro Correlato: le fasi iniziali (chi fa)
Stress Lavoro Correlato: predisposizione del piano di Valutazione del Rischio
Valutazione Approfondita: cos’è, come si effettua e quando
DVR. Documento di Valutazione del Rischio da Stress Lavoro Correlato.



Nessun commento:

Posta un commento

Pages